Svizzera: una breve guida commerciale al mercato.

DIMENSIONI DELL’ECONOMIA

Con un reddito procapite di $61.400 (PPP), ben oltre il 50% in più rispetto alla media Europea ($ 40.900), la Svizzera è uno dei paesi a più altro reddito procapite al mondo.

Per esattezza, si posiziona al 18° posto nella graduatoria mondiale (l’Italia è al 50° posto).

[Fonte: CIA]

La Svizzera è il 6° mercato di destinazione dell’export Italiano.

[Fonte: MISE]

La popolazione è di poco più di8,5 milioni di persone di cui oltre circa il 75% vive in aeree urbane.

Il fatto che la Svizzera sia il sesto paese export per l’Italia, nonostante il numero esiguo di abitanti, ti dà subito l’idea dello stretto legame commerciale esistente fra i 2 paesi.

[un Export Manager competente può guidarti nella scelta dei mercati più adatti alla tua azienda]

LE CATEGORIE DI PRODOTTO PIU’ ESPORTATE

Nel 2018 l’Italia ha esportato in Svizzera oltre €22 miliardi di beni crescendo di circa il 9% rispetto al 2017.

[Fonte: MISE]

Le categorie merceologiche maggiormente esportate nel 2018 sono state:

Prodotti chimici (€3 miliardi, quasi il 9% in più rispetto al 2017);

il Tessile e l’Abbigliamento (quasi €3 miliardi, 6,5% in più rispetto al 2017)

la Meccanica strumentale (oltre €2 miliardi, +7% rispetto al 2017);

Mezzi di trasporto (poco meno di €2 miliardi, +11,5% rispetto al 2017);

Metalli (quasi €1,5 miliardi, oltre il 3% di aumento rispetto al 2017;

Prodotti in legno (poco meno di €1 miliardo, quasi l’1% in più rispetto al 2017);

Alimentari e Bevande (poco meno di €1 miliardo, oltre il 5% in più rispetto al 2017);

Gomma e plastica, gli Apparecchi elettrici e l’Altra agricoltura si attestano sotto al miliardoma sono tutti settori con dinamiche positive (crescita tra il 2% e l’8% rispetto al 2017).

[Fonte dati: elaborazione su dati ISTAT]

Oltre a queste categorie di prodotto ce ne sono altre che stanno registrando dinamiche positive.

Per verificare se il tuo prodotto rientra fra quelli che crescono, leggi il post Statistiche Export guida rapida in 3 passi]

SETTORI PIU’ DINAMICI E ATTRATTIVI

[Fonte: scheda paese SACE]

STRATEGIE DI ENTRATA NEL MERCATO

Se vuoi entrare nel mercato svizzero tramite un’importatore assicurati che abbia le competenze per coprire le 3 macro regioni in cui si parla il tedesco, il francese e l’italiano, che sono le lingue più diffuse.

Ricordati che la Svizzera non far parte dell’Unione Europea e per tale ragione la devi trattare come un paese terzo (cioè non aderente alla UE), con tutto ciò che questo implica dal punto di vista doganale, di licenze, barriere non tariffarie ecc…

Quindi, anche se la Svizzera è geograficamente vicina all’Italia, collaborare con un importatore ben radicato nel territorio ti può agevolare molto nell’ingresso al mercato; soprattutto all’inizio.

Il mercato svizzero è sofisticato, molto attento alla qualità del prodotto (grande attenzione ai dettagli) e competitivo.

Molti consumatori preferiscono comprare prodotti svizzeri quando sono associati a standard qualitativi alti anche quando sono più costosi dei prodotti d’importazione.

Questo è particolarmente vero per le merci agricole.

E’ molto difficile competere con i prodotti locali in questo settore.

Attualmente, non è raro imbattersi in dazi piuttosto alti sui prodotti agricoli e di allevamento. Il governo utilizza le barriere tariffarie per proteggere i produttori locali.

Dall’immagine sotto, puoi ad esempio vedere che sulla carne bovina proveniente da qualsiasi paese dell’Unione Europea c’è un dazio del 12,8% + €303,40/Q.

Per i prodotti non agricoli invece, i dazi sono generalmente più bassi.

[se vuoi approfondire l’argomento dei dazi, leggi il post Export e dazi doganali come verificare se ci sono]

Scegliere un canale commerciale piuttosto che un altro (agenti, importatori, sede diretta ecc…) è sempre una scelta che devi fare in base alla tua specifica situazione e ai tuoi obiettivi.

Tuttavia,

vale sempre la regola di doverti presentare con una proposta validae con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

[per conoscere meglio le caratteristiche dei mercati e formulare una strategia d’ingresso adeguata, leggi il post Come fare ricerche di mercato per esportare]

Ogni strategia di entrata presenta vantaggi, svantaggi, un diverso profilo di rischio e un maggiore o minore grado di controllo sulle leve di marketing.

PRINCIPALI SFIDE PER GLI ESPORTATORI ITALIANI

Sebbene la Svizzera abbia armonizzato i suoi regolamenti con gli standard dell’Unione Europea

esistono eccezioni per i prodotti farmaceutici, cosmetici, di detergenza e chimici.


Il prezzo di vendita è un elemento importante di scelta, ma anche gli aspetti come l’affidabilità, la puntualità nelle consegne e il livello di servizio sono tenuti in grande considerazione dagli svizzeri.

Non succede di rado infatti, che

l’indolenza italiana nella risposta a richieste di assistenza finisca per pregiudicare rapporti commerciali che potevano dare ottimi frutti.

ALTRE INFORMAZIONI UTILI

In generale, in Svizzera si consumano e si producono prodotti di alta qualità, ad alto valore aggiunto grazie a un sistema manufatturiero automatizzato ed efficiente.

Oltre alla manifattura, la Svizzera è rinomata per le sua settore farmaceutico e per l’alto livello di servizi finanziari.

Molte aziende Europee e Statunitensi hanno la sede centrale in territorio svizzero.

Le ragioni principali sono le qualità delle infrastrutture, il sistema legislativo e fiscale favorevole per l’imprenditoria, le tasse corporate basse e il capitale umano di alto livello.

Nonostante ciò, la Worldbank la colloca in 38° posizione a livello mondiale (considera che l’Italia è al 51° posto), quindi a ben 14 posizioni dopo la Germania e 6 posizioni dopo la Francia.

Il fatto che la popolazione sia multilingue e multiculturale, può essere un elemento di complicazione per quanto riguarda la strategia aziendale e di marketing.

***

Tieni in considerazione il mercato svizzero nel tuo progetto export soprattuto se per il tuo prodotto la dinamica di esportazione è stata positiva negli ultimi 3-5 anni.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top