Quali sono le competenze indispensabili che l’Export Manager deve avere?

Per vendere all’estero hai necessità di farti affiancare da un professionista specializzato che possiede competenze specifiche.

[se vuoi conoscere gli aspetti più tecnici sull’attività che svolge l’Export Manager leggi il post Export Manager cosa fa]

LE COMPETENZE INDISPENSABILI

Sono tutte quelle che non devono mai mancare e che ti devi assicurare che l’Export Manager abbia. Non accettare compromessi su queste competenze.

Prima competenza: lingue straniere

L’Export Manager parla e scrive in Inglese con disinvoltura e conosce quasi sempre almeno una seconda lingua (preferibilmente la lingua parlata nei mercati per te più importanti).

[ti può interessare anche il post Un metodo pratico e veloce per la selezione dei mercati esteri]

Seconda competenza: vendite e marketing

L’Export Manager è sia un uomo di vendita sia un uomo di marketing.

Utilizza le sue competenze di marketing per individuare i mercati più ricettivi, per capire come si posizionano i concorrenti (Italiani ed esteri) e per individuare i canali di vendita adeguati.

Dopo questa veloce fase di analisi, l’Export Manager inizia subito a svolgere l’attività di ricerca clienti e di vendita perché sa che dialogare con i potenziali acquirenti è l’unico modo per avere una visione realistica del mercato.

Il modo migliore per conoscere un mercato è vendendo.


Terza competenza: economia aziendale e finanza aziendale

È necessario che l’Export Manager conosca l’economia aziendale e la finanza aziendale perché deve redigere il Piano Economico-Finanziario Export in cui sono indicate le risorse finanziare e la attività necessarie per esportare.

Tale documento è indispensabile per la pianificazione e il monitoraggio di tutte le attività finalizzate alla ricerca e conquista di nuovi clienti.

Il Piano Economico-Finanziario Export garantisce che l’Export Manager e l’imprenditore siano sempre allineati sugli investimenti da fare e gli obiettivi di vendita da raggiungere.

[Può interessarti anche il post Business Plan: presentalo in 10 minuti, ottieni risorse e attenzione]

Quarta competenza: vendita

Conquistare la fiducia di nuovi clienti esteri, chiudere la prima vendita e poi continuare a vendere

è il mantra dell’Export Manager che con l’esperienza di anni di lavoro sul campo ha messo a punto una metodologia di vendita basata su risultati concreti, non su teorie.

I Ricavi sono la prima voce del Conto Economico di tutte le aziende e per tale ragione sono la ragione d’essere di qualsiasi attività aziendale.

Sembra un concetto banale ma in parecchie aziende sono in molti a dimenticare questo aspetto importante.

L’Export Manager non si fa sviare mentre svolge l’attività di sviluppo commerciale e mantiene il focus sulla ricerca e conquista di nuovi clienti.

[Può interessarti anche il post Esecuzione della sequenza di contatto per conquistare nuovi clienti]

COMPETENZE AGGIUNTIVE

Insieme alle 4 competenze indispensabili indicate sopra, l’Export Manager ha anche competenze informatiche e conosce il mondo del digitale (e-commerce, marketing digitale ecc…),

Possiede inoltre una visione dell’azienda a 360° ed è in grado di dialogare con tutte le funzioni aziendali.

È disponibile a viaggiare con frequenza e a rimanere all’estero per periodi di tempo lunghi.

Avendo vissuto all’estero, possiede grande apertura mentale e un forte background internazionale che gli permettono di relazionarsi con persone di culture e mentalità differenti.

È informato sull’andamento Macroeconomico dei Paesi più importanti e ha buone conoscenze di Geopolitica.

Il professionista del commercio estero che stai cercando deve avere competenze trasversali

e deve essere in grado di lavorare sia in team sia in completa autonomia.

Su queste Competenze Aggiuntive puoi essere più flessibile rispetto alle Competenze Indispensabili. Tuttavia, se l’Export Manager le ha, dovrai considerarlo un plus importante per la tua scelta.

Il motivo è semplice.

Spesso le competenze di Macroeconomia e di Geopolitica sono considerate secondarie.

Nella realtà pratica invece, il professionista export che ha queste competenze è in grado di farti evitare molti rischi connessi ad alcuni Paesi o aree del mondo specifiche.

[Ti può interessare anche il post Naufragio Export: 5 errori fatali da non commettere]

***

Ora che sei a conoscenza delle competenze che un professionista dell’export deve avere sei in grado di selezionare quello più adeguato ai tuoi obiettivi di sviluppo commerciale estero.

Puoi scegliere di assumere un Export Manager che lavori full-time solo per la tua azienda oppure puoi scegliere un consulente esterno.

La scelta dipende dalla situazione specifica della tua azienda e dagli obiettivi che ti poni.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top