Nella fase di individuazione dei mercati prioritari ti è utile verificare quali Paesi hanno stipulato Accordi di Libero Scambio (Free Trade Agreements – FTA) con il Paese dal quale esporti.

[ti può interessare il post Un metodo pratico e veloce per la selezione dei mercati esteri]

Gli Accordi di Libero Scambio possono essere bilaterali o multilaterali e le agevolazioni incluse variano da un accordo all’altro.

Ci sono comunque alcune caratteristiche ricorrenti.

Barriere tariffarie: dazi

Uno dei vantaggi più ricorrenti degli FTA è quello della riduzione o eliminazione totale dei dazi.

[ti può interessare il post Export e Dazi doganali come verificare se ci sono]

E’ intuitivo il vantaggio che l’assenza di dazi comporta per l’impatto che hanno sulla formazione del prezzo di vendita finale.

Nei paesi in cui vengono applicati dazi elevati è molto probabile che il tuo prodotto finisca per avere un prezzo finale non competitivo.

Per ottenere i benefici previsti dall’Accordo di Libero Scambio, è necessario che il tuo prodotto abbia delle caratteristiche specifiche, come ad esempio:

  • deve esser stato prodotto in buona parte nel tuo Paese;
  • che sia composto da una specifica percentuale di componenti prodotti nel tuo Paese;
  • i componenti provenienti utilizzati e provenienti da Paesi non aderenti all’Accordo siano stati trasformati/lavorati/processati in una determinata misura. Questo ti obbliga a verificare l’origine dei componenti/ingredienti che usi.

Barriere non tariffarie

Gli FTA (Free Trade Agreements) solitamente prevedono anche altri vantaggi come il vederti legalmente riconosciuti gli standard qualitativi che già rispetti nel tuo Paese d’origine.

L’obbligo di ottenere certificazioni aggiuntive per uno specifico Paese estero spesso comporta sia i costi legati all’ottenimento della certificazione (ispezioni, documentazione…) sia i costi per l’adattamento del prodotto (modifiche progettuali, componentistica conforme…).

Non è raro infatti, che per ottenere la conformità del prodotto, tu debba modificarlo in alcune sue parti con conseguente impiego di tempo e aggravio di costi.

[può interessarti anche il post Le barriere tariffarie e non tariffarie al commercio internazionale]

Altri benefici ricorrenti

Fra i paesi firmatari di Accordi di Libero Scambio sono ricorrenti molti altri vantaggi come la maggiore facilità di protezione degli asset intangibili (proprietà intellettuale) e la protezione dei beni fisici che la tua azienda possiede all’estero.

***

Date le importanti implicazioni che derivano dagli Accordi di Libero Scambio, è importante che tu svolga delle ricerche approfondite.

A tal proposito, due punti di partenza sono la sezione del sito del Ministero dello Sviluppo Economico e il sito della EU dedicati a questo tema.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top