In questo post scoprirai come verificare se ci sono dazi doganali che verranno applicati al tuo prodotto e come questi possono incidere sul tuo progetto export.

Nella fase 1 del progetto export, quella relativa all’Analisi del Mercato (se vuoi conoscere le fasi dell’export management leggi il posto Export Manager: cosa fa) ti viene raccomandato di

ottenere informazioni sull’eventuale protezionismo praticato da alcuni paesi nei confronti dell’Italia, in riferimento al prodotto di tuo interesse.

Il focus di questo post è sulle barriere tariffarie ed in particolare sui dazi;  quindi non vengono considerati le barriere non tariffarie, come ad esempio le certificazioni obbligatorie di prodotto, i contingentamenti, ecc.

[se vuoi sapere quali sono le barriere non tariffarie, leggi il post Le barriere tariffarie e non tariffarie al commercio internazionale]

Utilizza il sito ufficiale della Comunità Europea dedicato a questi temi per conoscere se il tuo prodotto è assoggettato a dazio quando viene importato in un determinato paese.

Ecco come si presenta l’homepage del Database della Commissione Europea

Già da questa schermata ti è chiaro la ricchezza di informazioni offerte dal portale.

In particolare, trovi informazioni su tutti gli aspetti che incidono sulla

accessibilità ai mercati.

L’accessibilità è un tema centrale per il tuo progetto export perché un mercato potrebbe essere potenzialmente interessante perché ad esempio è molto popoloso.

Se però è poco accessibile sprecheresti il tuo tempo e le tue risorse che invece potresti investire in mercati più facilmente accessibili.

In generale, i fattori che incidono sull’accessibilità sono:

  • Tariffs & Taxes (Dazi e Tasse)
  • Rules of Origin (Regole sull’Origine dei prodotti)
  • Products Requirements (Requisiti di Prodotto)
  • Customs Procedures (Procedure per le formalità Doganali)
  • Trade Barriers (Barriere al Commercio)

Per le finalità di questo post, ci concentriamo sui Dazi.

PASSO 1: specificare i criteri di ricerca

Il primo passo che devi fare è compilare gli spazi che ho evidenziato con i rettangoli verdi

Supponiamo che tu produca Scarpe.

Devi riportare il nome del tuo prodotto in lingua inglese, quindi scriverai “footwear”.

Poi indicherai “Italy” come Paese di Origine (Country of Origin) e “China” come Paese di Destinazione (Country of Destination). Poi clicca su Search

Il sistema si mette alla ricerca dei risultati basati sui parametri che hai indicato.

PASSO 2: ottenimento risultati

Il risultato che otterrai è questa schermata

a te interessano i prodotti contenuti nel riquadro verde: “Footwear, gaiters and the like; parts of such articles”

Ora clicca sulla dicitura riportata nell’ovale verde:”Show in list of goods”

ti comparirà la seguente schermata

Ora clicca sulla dicitura evidenziata in giallo: “Footwear, gaiters and the like; parts of such articles”

Ti comparirà un’ulteriore lista, ancora più analitica. Ecco la schermata:

Come vedi, ci sono varie voci evidenziate in giallo e cliccando sul simbolo “+” andrai sempre di più nel dettaglio.

Ecco l’ulteriore schermata di dettaglio. Clicca su “Other footwear”

Ora clicca su “Other footwear” e poi su “Other” così da visualizzare i risultati.

PASSO 3: analisi dei risultati

Avendo cliccato su “Other footwear” e poi su “Other” sei arrivato sulla schermata che segue

Nel riquadro giallo puoi vedere che i Dazi (Tariffs) applicati dalla Cina ai paesi esportatori sono di 2 entità diverse:

GEN sta per General duty rate, vale a dire i Dazi generali per i paesi senza accordi commerciali preferenziali. Per queste nazioni il dazio applicato è del 100%.

MFN sta per Most Favoured Nation rate, vale a dire i Dazi applicati alle nazioni favorite. Per queste nazioni il dazio applicato è del 10%.

Ora clicca su MFN con la speranza di vedere l’Italia inclusa nella lista dei paesi favoriti.

Nel rettangolo rosso puoi vedere che l’Italia c’è:

Con questa ricerca veloce hai scoperto che sul prodotto analizzato il dazio è solo del 10%.

Questa è una buona notizia!

Pensa se invece del 10%, l’Italia fosse daziata al 100%. Significherebbe che se il tuo prodotto arrivasse in dogana a €30, dopo lo sdoganamento costerebbe al tuo importatore €60, cioè il doppio.

Questo inciderebbe in modo negativo sulla tua capacità di competere.

APPROFONDIMENTI

Se vuoi approfondire, puoi scorrere la pagina verso il basso e leggere la parte delle Note (Notes).

Nel nostro esempio, ti viene suggerito di vedere le “Procedures and Formalities” (sottolineato in rosso) per approfondire gli accordi commerciali preferenziali (preferential trade arrangments).

Poiché i dazi sono un fattore che può limitare notevolmente l’accessibilità a un mercato

approfondire il sistema doganale può suggerirti anche alcune possibili soluzioni per bypassare o ridurre l’incidenza del dazio sul tuo prodotto.

Ad esempio potresti esportare il prodotto semilavorato invece che finito e poi completare la produzione direttamente nel paese estero.

Top