Cosa significa esportare oggi?

Nessuna nazione al mondo è autosufficiente. Il commercio internazionale nasce quindi dal bisogno di acquistare da altri paesi ciò che non si ha o che non si produce.

IL COMMERCIO INTERNAZIONALE CONTINUA A CRESCERE

Negli ultimi 10 anni, il commercio mondiale totale è continuato a crescere.

Anche il volume di scambio di beni e servizi tra l’Italia e il resto del mondo è aumentato (ad eccezione del 2009).
Ciò riconferma la vocazione del nostro Paese per il commercio internazionale e riconferma che gli imprenditori italiani sono in grado di realizzare prodotti e servizi che il mercato globale trova interessanti.

Nella mappa sottostante, è possibile vedere la distribuzione percentuale dell’export Italiano nel mondo:

[Fonte: nostra rielaborazione da dati Istat]

Cosa significa quindi esportare oggi?


Inizia a leggere gli articoli più cliccati:


POSSIAMO LASCIARE POCO SPAZIO ALL’IMPROVVISAZIONE

E’ necessario conoscere i mercati per elaborare una strategia chiara e definire una politica commerciale export che sia in grado di fare aumentare le vendite a livelli di marginalità sostenibili.

Potreste non disporre internamente di tutte le risorse necessarie. In tal caso, acquisitele all’esterno. Assumere un export manager competente o farsi affiancare da un consulente export ben preparato e di fiducia, è sicuramente consigliabile.

Lo sviluppo commerciale internazionale non riguarda solo le grandi aziende:

per crescere, o più semplicemente per sopravvivere, anche le piccole e medie imprese devono agire su scala internazionale.

Top