Come ottieni il capitale per finanziare il tuo progetto export?

Per espanderti su scala internazionale e vendere all’estero hai necessità di risorse finanziarie.

CAPITALE DEDICATO E SUA REMUNERAZIONE

Non farti cogliere impreparato:

predisponi per tempo risorse finanziarie adeguate e fissa un lasso di tempo realistico entro il quale tali risorse verranno remunerate.


Ritrovarti a corto di risorse o pensare che il capitale che impieghi verrà remunerato in poco tempo sono due errori che non devi commettere.

DI QUANTO CAPITALE HAI BISOGNO?

Sia che disponi internamente del capitale da investire (autofinanziamento) sia che devi ricorrere a soggetti terzi

devi conoscere l’ammontare di capitale cui hai bisogno.


Basandoti sulla strategia export che hai elaborato e sulle attività che devi svolgere per eseguirla puoi stimare quanto capitale ti serve.

PER ESPANDERTI ALL’ESTERO HAI BISOGNO DI RISORSE DEDICATE

Rispetto alle risorse che impieghi per crescere nel mercato nazionale, per crescere all’estero hai bisogno di liquidità per finanziarie attività specifiche connesse all’export.

Ecco alcuni esempi di come potresti impiegare le risorse che hai a disposizione.

Puoi dover assumere risorse umane (interne o esterne) dedicate e specializzate in export.

[può interessarti anche il post Export Manager cosa fa]

E’ probabile che hai necessità di adattare il prodotto alle normative estere per ottenere certificazioni di prodotto.

Devi tradurre in lingua la letteratura aziendale (brochure, sito web, ecc.) e devi svolgere attività di marketing internazionale.

I viaggi all’estero e la partecipazione alle fiere di settore in mercati specifici sono altre voci di costo che devi poter finanziare.

AGEVOLAZIONI STATALI

In Italia, l’export è l’unica attività che negli ultimi anni ha portato crescita e sviluppo economico al Paese.

Nonostante siano stati anni difficili l’export Italiano è continuato a crescere e anche in periodo di Covid l’export è stato il primo a rimbalzare e tornare a livelli pre pandemia.

Per tale ragione il Governo Italiano supporta le esportazioni stanziando ogni anno risorse importanti.

Gli incentivi pubblici per la promozione dell’export sono costituiti da strumenti di vario tipo come quelli di finanza agevolata

I finanziamenti a fondo perduto e quelli a tassi agevolati sono strumenti molto utilizzati.

Puoi impiegare i finanziamenti agevolati per coprire le spese per le fiere e per acquistare il materiale promozionale destinato all’export (brochure, siti web in lingua, ecc.).

Alcuni strumenti sono destinati a coprire le spese per l’apertura di sedi all’estero.

Altri sono destinati al personale dedicato all’export come ad esempio un export manager sia esso temporaneo sia permanente.

[ti può interessare anche il post Quali sono le competenze che l’Export Manager deve avere]

GLI INCENTIVI STATALI AL COMMERCIO INTERNAZIONALE

Prima di affidarti a una società esterna che si propone di aiutarti a ottenere le agevolazioni, ti consiglio di visitare siti istituzionali come per esempio il sito della Cassa Depositi e Prestiti.

Documentati il più possibile e fatti una tua idea.

Potresti sentirti sopraffatto dalle opportunità esistenti ma è importante che tu sia consapevole quali sono e il lavoro che devi fare per coglierle.

La conoscenza di questi aspetti ti consente di selezionare con cognizione di causa la società o il professionista esterno al quale eventualmente vorrai affidarti.

Top